da definire

Cuochi sull’orlo di una crisi di nervi | V.M. Visintin

«Passeggiavo nel silenzio della notte dopo una cena di lavoro (lo sono tutte, per me), col passo fatidico di chi ha addentato una polpetta fritta di Eataly e non ha più niente da temere nella vita. Ma fui colto alla sprovvista da un ululato lacerante che sembrava prender ato dalle mura di un palazzo dietro l’angolo.
Cautamente, mi addentrai nella stradina, guatando tra le pieghe buie dei lampioni. E finalmente vidi un uomo in toque blanche, accucciato a terra accanto a una bottiglia di vino». 
Estratto dal libro Cuochi sull’orlo di una crisi di nervi, pag.31.

Valerio M. Visintin, giornalista e critico gastronomico mascherato del Corriere della sera, ha visitato e recensito negli ultimi dieci anni più di 2500 ristoranti. Ha scritto una quarantina di guide gastronomiche e tre libri di narrativa “L’ombra del cuoco” (2008), “Il mestiere del padre” (2011), “Osti sull’orlo di una crisi di nervi” (2013), diventato anche un lavoro teatrale.

copertina_Cuochi sull'orlo di una crisi di nervi_

Valerio M. Visintin racconta con ironia e sarcasmo il mondo smisurato del “food”: le code chilometriche di Expo e i suoi insetti commestibili, i reucci della pignatta e la loro retorica, la réclame arbitraria delle aziende produttrici e le immancabili fuffblogger, i conti che non tornano quasi mai e i critici gastronomici, mangiatori di tartine, che tornano sempre.

Terre di mezzo Editore | 190 pagine – 12,00 euro

Commenti

You Might Also Like