dalle cucine degli chef

dimmi che chef preferisci e ti dirò chi sei – la rubrica “Easy” di Valerio Canevaro – novembre 2013

Dimmi che chef preferisci e ti dirò chi sei è una breve guida ai programmi di cucina per capire quale sia il più adatto alle proprie inclinazioni.
Cinque cuochi, cinque programmi, cinque stili: e se alla fine non avrete imparato nemmeno a scaldare il latte nel microonde, Wilma De Angeli verrà a casa vostra per un mese e dormirà nel vostro letto, giuro.

SIMONE RUGIATI
Siete giovani, sprezzanti e pensate che tra un cuoco della mensa all’asilo e uno chef stellato non ci sia alcuna differenza? Bene, Simone Rugiati è colui che fa per voi.
Dopo il successo di Cuochi e fiamme, da poco ha colonizzato anche il web con la serie di video tutorial dal nome Food Maniac. Il set è la cucina di casa sua, come è sua la spocchia che ci mette a preparare stuzzichini che, anche io che sono stato bocciato all’istituto alberghiero pur non frequentandolo, sarei in grado di preparare.
Rugiati sta all’alta cucina come io sto alla lap dance; eppure, grazie ai reality show e agli spot di note bevande, ha conquistato l’Olimpo degli chef televisivi.

CARLO CRACCO
Innamorate o wannabes? È questo il dilemma che sorge con chi sceglie di seguire uno chef a metà tra lo stellato e lo stallone.
Chi ama Cracco lo fa per svariate ragioni e, tra le prime cinque, ci metterei “è figo”. Ma non solo. È anche dannatamente stronzo, come tutti coloro che sanno davvero fare il proprio mestiere e possono tirarsela. Chi segue Master Chef lo fa anche perché sogna un giorno di cenare nel suo ristorante, spendere un intero stipendio per il suo famoso uovo e tornare a casa con la speranza di aver carpito i segreti della sua cucina.

ANTONINO CANNAVACCIUOLO
Siete di quelli che conciano la cucina da buttar via anche solo pelando una patata? Siete convinti di avere doti straordinarie ai fornelli, ma parenti e amici temono i vostri piatti come una pandemia di vaiolo?
Se il piatto più gustoso che avete preparato è la torta di fango a tre anni, colui che fa al caso vostro è il Gordon Ramsey di Vico Equense, Antonino Cannavacciuolo. Seguire Cucine da incubo vi servirà a prendere coscienza del fatto che per voi è meglio stare a tavola che far da mangiare. Non c’è nulla di male, credetemi.

CHEF RUBIO
Se Cracco è fighetto, Rugiati presuntuoso e Cannavacciuolo rompipalle, il vostro mentore non può essere che lui, chef Rubio.
Rude, romantico, verace e più tatuato di Fabrizio Corona: torna con il programma Unti e Bisunti 2, dedicato allo street food, per risvegliare gli ormoni e dimostrare come il cibo di strada non sia solo una porcheria ma un vero e proprio mondo da esplorare.

BENEDETTA PARODI
Ha venduto più libri di Dan Brown; è più social di Papa Francesco; ha girato più canali di una valletta disoccupata: sbarca su Real Time lei, la regina delle ricette fatte in casa, laureata in Scienze dell’arrosto con brodo granulare e amata da donne, uomini, grandi, piccini, opossum e piante d’appartamento: la Parodi.
Non è chef, non è cuoca e non è nemmeno la Clerici: Benedetta è la scelta giusta per tutti coloro che devono inventarsi qualcosa da mettere in tavola per la famiglia, avendo a disposizione poco tempo, poche cose e tanta stanchezza.

Tutto chiaro, dunque? Non ci resta che afferrare il telecomando, metterci comodi e imparare da tutti un po’. Tutt’al più ci sono sempre i surgelati.
Scusate, il citofono. Deve essere Wilma De Angeli.
Buon appetito.

Valerio Canevaro

Segui la rubrica di Valerio, tutti i mesi un nuovo articolo.
Iscriviti* alla newsletter gratuita di 3 Ricette sul Comò. *Iscriversi non comporta indicazioni specifiche se non una mail. I dati personali verranno utilizzati solamente per le finalità legate al sito 3ricettesulcomo.it nel pieno rispetto delle disposizioni legislative in materia di privacy. Leggi le note sulla privacy.

Commenti

You Might Also Like