Magazine

15 consigli pratici per ridurre lo spreco di cibo

Sta a noi cambiare le nostre abitudini e adottare uno stile di vita che non lasci spazio allo spreco di cibo.

Ogni anno, tonnellate di cibo commestibile vengono perse o sprecate in tutto il mondo. Tra la raccolta e la vendita al dettaglio, quasi il 14% di tutto il cibo prodotto nel mondo viene sprecato. Quantità significative di cibo vengono sprecate anche al dettaglio o dai consumatori. 

Per molte persone in tutto il mondo, sprecare cibo è diventata un’abitudine: acquistiamo più cibo dai mercati di quanto ci serve, lasciamo che frutta e verdura si guastino a casa o ne prendiamo porzioni. più grande di quello che possiamo consumare.

Queste abitudini aumentano i vincoli che già pesano sulle nostre risorse naturali e danneggiano l’ambiente. Quando sprechiamo cibo, sprechiamo anche il lavoro, lo sforzo, gli investimenti e le risorse preziose (come acqua, semi, mangime per animali, ecc.) Che sono stati necessari per produrlo, senza dimenticare le risorse necessarie per il trasporto e l’elaborazione. In breve, lo spreco di cibo porta ad un aumento delle emissioni di gas serra e contribuisce al cambiamento climatico.

Questo è un problema serio. Infatti, ogni anno, tonnellate di cibo sicuro da mangiare vengono perse o sprecate in tutto il mondo. Tra la raccolta e la vendita al dettaglio, quasi il 14% di tutto il cibo prodotto nel mondo viene sprecato. Quantità significative di cibo vengono sprecate anche al dettaglio o dai consumatori.

Le perdite di cibo corrispondono alla quota di cibo perso tra la raccolta e la vendita al dettaglio, ad eccezione di quest’ultima fase. Lo spreco alimentare viene sprecato a mano dai consumatori o dal dettaglio. Facciamo questa distinzione per affrontare le cause profonde di un problema che tutti possiamo contribuire ad eliminare, che siamo agricoltori, produttori, consumatori o commercianti.

In un mondo in cui milioni di persone soffrono la fame ogni giorno, ridurre la perdita e lo spreco di cibo è fondamentale. La riduzione degli sprechi è un segno di considerazione per i milioni di persone che soffrono la fame ogni giorno e per le quali il cibo non è scontato.

I 15 passaggi per riconnettersi con il cibo e cosa significa:

1. Adottare una dieta più sana e sostenibile

Viviamo a ritmi sostenuti ea volte è difficile preparare pasti nutrienti. Ma i piatti sani non devono essere piatti fantasiosi. Internet è pieno di ricette sane e facili da preparare che puoi condividere con la famiglia e gli amici.

2. Acquista solo ciò di cui hai bisogno

Organizza i tuoi pasti. Crea una lista della spesa e rispettala. Evita lo shopping compulsivo. Sprecherai meno cibo e risparmierai denaro .

3. Non scegliere sempre frutta e verdura che abbiano un bell’aspetto

Non giudicare gli alimenti dal loro aspetto! Frutta e verdura di forma irregolare o danneggiata vengono spesso buttate via perché non soddisfano alcuni standard arbitrari che ne impongono l’accettazione. Non preoccuparti, hanno lo stesso sapore! Usa frutta matura per frullati, succhi e dessert.

4. Conserva il cibo con saggezza

Posiziona i prodotti più vecchi nella parte anteriore degli armadi o del frigorifero e i prodotti più freschi nella parte posteriore. Utilizzare contenitori ermetici per conservare più a lungo i prodotti che sono già stati aperti nel frigorifero e assicurarsi che le confezioni siano ben chiuse per proteggere il cibo dagli insetti.

5. Comprendere l’etichettatura dei prodotti alimentari

C’è una grande differenza tra le indicazioni “da consumarsi preferibilmente entro” e “da consumarsi preferibilmente entro la data”. A volte il cibo è ancora sano dopo il “meglio prima”. È la “data di scadenza” che indica che non può più essere consumato. Controlla le etichette dei prodotti alimentari per vedere se contengono ingredienti malsani, come acidi grassi trans e conservanti, ed evita cibi che contengono zuccheri aggiunti o sale.

6. Inizia lentamente

Porta a casa porzioni più piccole o condividi le porzioni abbondanti quando mangi fuori.

7. Usa gli avanzi

Se non mangi tutto quello che fai, tieni gli avanzi nel congelatore per un uso successivo o usali negli altri pasti.

Acquistare frutta e verdura che non sempre hanno un bell’aspetto o utilizzare gli avanzi per gli altri pasti: due buone abitudini che aiutano a prevenire la perdita e lo spreco di cibo. In alto a sinistra: © Smiallaan / shutterstock.com A destra / in basso: © New Africa /shutterstock.com

8. Fai buon uso dei tuoi rifiuti alimentari

Invece di buttare via i rifiuti alimentari, compostali. In questo modo restituisci i nutrienti al suolo e riduci la tua impronta di carbonio.

9. Rispetta il cibo

Il cibo ci collega tutti gli uni agli altri. Riconnettiti al cibo imparando i processi che servono per ottenerlo. Leggi articoli sulla produzione alimentare e incontra gli agricoltori della tua zona.

10. Porta il tuo sostegno ai produttori locali

Acquistando prodotti locali, stai sostenendo gli agricoltori familiari e le piccole imprese nella tua comunità. In tal modo, contribuisci a combattere l’inquinamento e riduci le distanze di consegna che i camion e gli altri veicoli devono percorrere.

11. Proteggi le popolazioni ittiche

Mangia specie più abbondanti come lo sgombro o l’aringa, piuttosto che quelle che rischiano di essere sovrasfruttate, come il merluzzo o il tonno. Acquista pesce che è stato catturato o allevato in modo sostenibile, come pesce certificato o con marchio di qualità ecologica.

12. Usa meno acqua

Non possiamo produrre cibo senza acqua! È importante che gli agricoltori utilizzino meno acqua per coltivare il cibo, ma è anche necessario ridurre lo spreco di cibo al fine di risparmiare le risorse idriche utilizzate per produrre quel cibo. Riduci il consumo di acqua in altri modi: ripara le perdite o chiudi il rubinetto quando ti lavi i denti!

13. Tenere puliti i pavimenti e l’acqua

Alcuni rifiuti domestici possono essere pericolosi e non devono mai essere gettati nella spazzatura. Batterie, vernici, telefoni cellulari, farmaci, prodotti chimici, fertilizzanti, pneumatici, cartucce d’inchiostro, ecc. può penetrare nel suolo e nelle riserve idriche e compromettere le risorse naturali necessarie per produrre cibo.

14. Mangia più legumi e verdure fresche

Prova a mangiare, una volta alla settimana, un piatto a base di legumi o cereali “vecchi”, come la quinoa.

15. Condividere significa prendersi cura

Regala tutti gli alimenti che potrebbero andare a male. Esistono, ad esempio, app che ti consentono di entrare in contatto con i tuoi vicini o con le attività commerciali locali per condividere il cibo in eccesso in modo da non buttarlo via.


Il 29 settembre è una giornata dedicata alla sensibilizzazione sulla perdita e lo spreco di cibo. Anche piccoli cambiamenti nelle nostre abitudini possono fare una grande differenza. 

Il 29 settembre 2020 celebriamo per la prima volta la Giornata internazionale di sensibilizzazione sulla perdita e lo spreco alimentare . Questa giornata si svolge durante l’attuale pandemia covid-19, che è stata un’opportunità per sensibilizzare sulla necessità di trasformare e riequilibrare il modo in cui produciamo e consumiamo cibo. Per raggiungere l’obiettivo di un mondo libero dalla fame è fondamentale sprecare meno, mangiare meglio e adottare uno stile di vita sostenibile.

Anche piccoli cambiamenti nelle nostre abitudini possono fare una grande differenza. Agire. Fermare la perdita e lo spreco di cibo. Per l’umanità e per il pianeta.

Per saperne di più


LE NOSTRE RICETTE ANTI SPRECO

Commenti

You Might Also Like