Browsing Tag

antipasto

Pasqua spiedini & polpette

crocchette di merluzzo al profumo di limone

ingredienti per 6 persone

800 g di filetti di merluzzo
2 patate lesse di medie dimensioni
q.b. di timo fresco
sale e pepe
un pò di scorza di limone
2/3 fette di pane raffermo
2 uova intere
q. b. di pan grattato
1 l d’olio per friggere

Controllare i filetti di merluzzo e pulirli delle eventuali spine con una pinzetta. Eliminare la pelle.
Tagliare grossolanamente il merluzzo e metterlo in una padella con un giro d’olio d’oliva, un paio di rametti di timo fresco, sale e pepe.
Cuocere per circa una decina di minuti poi far leggermente raffreddare.
Mettere nel tritatutto il pane ammollato nell’acqua e strizzato, le uova, le patate lesse, il pesce, la scorza del limone. Tritare a scatti e ottenere un impasto che non sia troppo fine.

Controllare che la spina del tritatutto sia staccata, che la lama sia tolta e prelevare con le mani una sufficiente dose d’impasto per formare una polpetta tonda o allungata. Passare la polpetta nel pan grattato e procedere in questo modo fino alla fine dell’impasto.

Scaldare l’olio in una padella grande e friggere le polpette fino a doratura. Sgocciolarle su carta assorbente.

Preparare dei coni con la carta per alimenti, infilarci qualche polpetta per cono e gustare con le mani!

ricetta di Raffaella Passigli

antipasti Pasqua

Antipasto pasquale | patata al forno con caviale

Antipasto pasquale da leccarsi i baffi. La patata al forno è leggera ma consistente, lo yogurt greco diventa una panna acida grazie al limone e l’insalata fresca di stagione gli da quel tocco da antipasto pasquale. Ma la vera prelibatezza è l’aggiunta di quel cucchiaino di caviale che si sposa perfettamente con gli altri ingredienti. A ognuno la libertà di decidere la qualità più o meno pregiata di caviale da usare. Potete usare in alternativa uova di storione o uova di salmone.

LA RICETTA prevede una patata a testa e per la preparazione della crema acida dovrete assaggiare e creare il vostro equilibrio tra yogurt e limone.

1 patata a testa (possibilmente patate delle stesse dimensioni)
uova di lompo
carta stagnola
1 vasetto di yogurt greco
q.b. di succo di limone
sale fino
q.b. di erba cipollina
insalata fresca di stagione

Preriscaldare il forno a 200 gradi.

Lavare molto bene le patate, asciugarle e avvolgerne ognuna nella carta stagnola. Metterle su una placca da forno, infornare e cuocere per 45 / 50 minuti.

Nel frattempo preparare la crema.
In una terrina versare un pò di yogurt greco lavorarlo con una forchetta per ammorbidirlo e unire un cucchiaino piccolo di succo di limone. Amalgamare bene i due ingredienti poi assaggiare. La crema è pronta quando c’è un perfetto equilibrio tra i due sapori dove nessuno dei due sovrasta l’altro. Se necessario unire ancora o succo di limone o yogurt. Salare e pepare a piacere.

Lavare e asciugare l’erba cipollina, tagliuzzarla finemente.

Condire dell’insalata fresca di stagione.

Servire impiattando così:
in ogni piatto mettere un po’ d’insalata condita, la patata senza cartoccio aperta in due, un cucchiaino di crema acida mescolata ad un pochino di erba cipollina e per ultimo un cucchiaino di caviale.


Iscriviti alla newsletter gratuita di 3ricettesulcomò. Ti arriverà comodamente nella tua casella di posta elettronica e… non ti perderai niente.
pesce, uova verdure e insalate

millefoglie di pomodoro e tonno

ingredienti per 4 persone

3 pomodori ramati
250 g di tonno sott’olio
insalata fresca di stagione
2 cucchiai di maionese
olio extravergine d’oliva
aceto balsamico
sale

Lavare l’insalata e condirla con sale, olio d’oliva, aceto balsamico.

Lavare i pomodori e tagliarli a fette.
Mettere il tonno scolato in una terrina, aggiungere la maionese e, con una forchetta, amalgamare i due ingredienti.

Preparare la millefoglie.
Adagiare una fetta di pomodoro su un piatto aggiungere un pò di tonno poi un’altra fetta di pomodoro, tonno e chiudere con il pomodoro e sopra l’insalata condita.
Preparare nello stesso modo le altre millefoglie di pomodoro.

pesce, uova

mousse di tonno

ingredienti

1 scatola di tonno grande
1/2 barattolo di maionese
qualche filo d’erba cipollina
1 frullatore elettrico
1 sacca da pasticceria

Mettere il tonno nel frullatore.
Se usate tonno sott’olio versare anche l’olio con il tonno; se usate tonno al naturale aggiungere tanto olio d’oliva quanto basta per ammorbidirlo mentre lo frullate.

Lavare l’erba cipollina, tagliuzzarla con la forbice e unirla al tonno frullato.

Aggiungere la maionese già pronta a piacere e mescolare gli ingredienti con un cucchiaio.
Se aggiungete poca maionese resterà una mousse più grezza; se aumentate la dose otterrete una crema. La scelta è personale.

Mettere la mousse in una sacca da pasticceria e conservarla in frigorifero per max 3 giorni.

Ideale per:
– bruschette
– condimento di pasta
millefoglie di pomodoro e tonno
– con uova sode
– base per panini

Natale pesce, uova

La ricetta del salmone marinato

Questa ricetta del salmone marinato è eccezionale, nulla da invidiare al salmone affumicato che si trova già pronto nei negozi. L’unica cosa importante da sapere è che la marinatura deve durare 3 giorni!

Non abbiamo messo volutamente il peso degli ingredienti perché a seconda del peso del salmone farete poi voi le proporzioni seguendo questo suggerimento:

Con 400 gr di trancio di salmone si utilizza circa 1 kg di sale e 1 kg di zucchero.

trancio di salmone
sale
zucchero
erba cipollina, timo, maggiorana
o erbe aromatiche a piacere

Unire la stessa quantità di zucchero e sale in una ciotola.    Aggiungere le erbe aromatiche tritate grossolanamente e mescolare tutto  molto bene.
salmone_marinato_sale_home Fare uno strato sul fondo di una pirofila con una parte del mix  e adagiarci il trancio di salmone. Ricoprire tutto con il resto del mix.
Avvolgere con la pellicola per alimenti e lasciare in frigo per 3 giorni.
Togliere il trancio dalla marinatura e sciacquarlo sotto l’acqua per eliminare i residui.
Tagliare a fettine e condire con olio extravergine d’oliva.

ricetta di Roberta Gallina


Se ti piace quel che leggi

Iscriviti alla newsletter gratuita!

Non ti preoccupare, riceverai soltanto una mail al mese


 

uova verdure e insalate

Asparagi con le uova | piatto vs panino

Asparagi con le uova chissà com’è nata questa combinazione deliziosa. L’asparago per essere consumato viene prima lessato con acqua salata per breve tempo oppure cotto a vapore; il tempo di cottura tipico per gli asparagi è di circa 5 minuti, nonostante possa variare a seconda dello spessore. Dato che il germoglio è più delicato della base dello stelo, i risultati migliori si ottengono legando insieme non troppo stretti gli steli in modo che solo la parte inferiore sia cotta in acqua bollente, mentre i germogli, fuoriuscendo dall’acqua, subiranno una cottura a vapore. Grazie prezioso Wikipedia per la tua lezione di cucina sulla cottura degli asparagi ;).

LA RICETTA per deliziosi asparagi con uova al burro al tegamino
uova-al-tegamino2 mazzi di asparagi
8 uova fresche
40 g di burro
formaggio grattugiato
sale e pepe
sale grosso

Portare a ebollizione abbondante acqua salata in una grande pentola capace di contenere gli asparagi (esistono apposite pentole alte e strette per contenere gli asparagi in piedi).
Pulire gli asparagi lavandoli sotto acqua corrente e con l’aiuto di un pelapatate togliere delicatamente la pelle superiore del gambo eliminando la parte finale, quella più dura senza toccare le punte.
Lessare gli asparagi per circa 15 minuti cercando di tenere le punte fuori dall’acqua. Quando sono quasi pronti preparare le uova al burro. Sciogliere il burro in una padella antiaderente e rompervi le uova. Cuocere le uova, senza mai girarle per pochi minuti (il tuorlo non deve cuocersi troppo), chiudere col coperchio alla fine a fuoco spento per un minuto. Salare e pepare a piacere.
Scolare gli asparagi e distribuirne un po’ per piatto, cospargerli di abbondante formaggio grattugiato. Adagiare le uova al tegamino sopra agli asparagi.

panino-asparagi-con-uova

E se invece di un piatto preferireste un panino farcito con asparagi e uova?

La ricetta è la stessa cambia solo la presentazione e mi raccomando… un panino che contenga bene per il lungo gli asparagi, sarebbe proprio un peccato doverli tagliare.


in-cucina-newsletter

verdure e insalate

Insalata di stagione a base di finocchi e arance

Per aumentare la golosità aggiungete all’insalata delle olive nere o dei gherigli di noci.

insalata_finocchi_aranciald
ingredienti per 4 persone:

1 finocchio grande
3 arance
olio extravergine d’oliva
sale e pepe
1 mandolina o affettaverdure

Lavare il finocchio, privarlo del primo strato esterno più duro, tagliare i gambi ma conservare i ciuffetti. Affettarlo finemente con la mandolina.

Pelare l’arancia usando un coltello per eliminare la parte bianca, con lo stesso coltello incidere degli spicchi senza pellicina.
Mettere gli spicchi d’arancia in un’insalatiera, aggiungere il finocchio tagliato.

Preparare un’emulsione sbattendo in una ciotola: il succo delle arance, l’olio extravergine d’oliva, sale e pepe.
Condire l’insalata con l’emulsione e decorare con i ciuffetti di finocchio.


Se ti piace quel che leggi

Iscriviti alla newsletter gratuita!

Non ingrassa ma mette di buonumore e sazia. 


 

verdure e insalate

la panzanella

ingredienti

q.b. di pane raffermo del giorno prima
3 o 4 pomodori grandi e maturi
1 mozzarella
1/4 di cipolla rossa
basilico fresco
olio extravergine d’oliva
aceto balsamico o aceto di vino
sale e pepe macinato fresco

In una grande terrina mettere il pane raffermo spezzettato, la mozzarella a dadini, il pomodoro lavato e tagliato in almeno 4 parti e la cipolla rossa affettata finemente.

In una tazzina mescolare un po’ di sale a piacere con l’aceto balsamico o di vino rosso. Unire l’olio extravergine d’oliva e mescolare per qualche momento con una forchetta fino ad ottenere un’emulsione.

Condire la panzanella con l’emulsione.

Grattugiare al momento del pepe fresco.

Servire.

Decorare con foglie di basilico fresco.

 

verdure e insalate

insalata con avocado e lamponi

ingredienti per 4 persone

insalata mista di stagione
2 avocado maturi
100 g di lamponi freschi
q.b. di olio extravergine d’oliva
q.b. di aceto balsamico o aceto al lampone
sale

Lavare e asciugare bene l’insalata.

In una terrina preparare il condimento emulsionando a piacere: olio d’oliva, aceto e sale.

Pelare l’avocado, buttare il nocciolo, tagliare la polpa a dadini e tuffarla immediatamente nel condimento (in questo modo non annerirà).

Lavare velocemente i lamponi in acqua fredda, adagiarli su della carta assorbente in modo che asciughino.

Preparare l’insalata assemblando tutti e tre gli ingredienti molto delicatamente. Servirla subito.

 

antipasti

fichi con caprino e miele

ingredienti per 4 persone

8 fichi maturi
400 g di caprino di capra
miele d’acacia
1 tasca da pasticceria

Lavare e asciugare i fichi.
Mettere il formaggio di capra in una terrina, lavorarlo con un cucchiaio per un minuto.

Tagliare un fico a fettine sottili.
Disporre una fettina di fico su un piatto.

Mettere il caprino nella tasca da pasticceria e spremerne un pochino sulla fettina di fico. Aggiungere un’altra fetta di fico e continuare ad alternare formaggio e fichi fino a ricomporre il frutto.
Preparare nello stesso modo gli altri fichi.

Al momento di servire unire il miele a piacere.

 

piatti estivi Video

Quenelle di ricotta | perché anche l’occhio è importante

Questa estate la preparazione d’ordine è : QUENELLE DI RICOTTA E CAPRINO. L’aggiunta del caprino di latte di capra mixato con la ricotta classica rende la quenelle più grintosa e quindi più appetitosa.

Ma perchè? Per svariati motivi qui elencati:

  • l’aggiunta di un po’ di caprino di latte di capra rende la quenelle di ricotta più gustosa
  • è una preparazione fresca che non deve essere cotta, quindi ideale per accompagnare un’insalata mista di stagione, un piatto di bresaola, dei pomodori
  • facilissima da preparare, imparata la tecnica il piatto sembrerà appena uscito da una cucina stellata
  • aggiungete duo o tre quenelle in una crema fredda di verdure e la banalità sarà solo un ricordo

 

 

pesce, uova uova

Pancarré al forno con uova e mortadella

Se desiderate qualcosa di gustoso, tipo un bel pancarré al forno, ecco una ricetta deliziosa che si adatta a qualsiasi stagione e che può essere accompagnata con un’insalata o con delle patate. Perfetta anche per un brunch, per un light lunch o per un picnic al parco!

Questo pancarré al forno sarà un vero trionfo per i sensi. L’asparago, ortaggio protagonista della primavera, sarà delicatamente esaltato dalle uova. Il tutto  racchiuso in questo sfizioso cestino.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

4 uova
4 fette di pancarré
1 fetta di mortadella
1 asparago o altra verdura di stagione
burro q.b.
4 stampi da muffin
sale
pepe

Preriscaldare il forno a 200°C.
Imburrare i quattro stampi.
Con una forbice o un coltellino eliminare il bordo alle fette di pancarré.
Spalmarle di burro da un lato solo.

Incastrare molto delicatamente una fetta di pane in ogni stampo tenendo la parte imburrata verso l’alto.

Dividere la mortadella in quattro parti e adagiarne un pezzetto su ogni fettina di pane.

Rompere un uovo nel centro di ogni stampo. Aggiungere per ogni uovo una punta di asparago cotto a vapore o un’altra verdura di stagione. Infine  salare, pepare e infornare per 20 minuti.

Se si desidera un uovo meno cotto e quindi più morbido, basterà accorciare il tempo di cottura a 10 minuti. Altrimenti in 20 minuti otterremo un uovo sodo, cotto al puntino.

Servire i cestini appena sfornati accompagnati con dell’insalatina fresca di stagione oppure con delle patatine lessate. Buon pancarré al forno e buon appetito!

 

Lo sapevate che…

  • pancarré deriva da  pan(e) e  dalla parola francese carré  (quadrato, per la forma). Questa espressione pseudo-francese (ignota in Francia è anche la sua sporadica correzione in pain carré) indica il pane in cassetta, per la sua tipica forma quadrata.
  • Secondo una ricostruzione molto fantasiosa  sembra che il pancarré sia nato a Torino, nel corso del XIX secolo.  Probabilmente questo tipo di pane  era davvero molto diffuso nel capoluogo piemontese (da qui l´invenzione del tramezzino),  ma oggi non esistono prove documentali certe che ne attestino la presenza prima della sua diffusione in Francia.
  • Il pancarré è  il pane maggiormente diffuso in Giappone, dove è chiamato “shokupan” e viene consumato anche non tostato durante i pasti.

 


LA NOSTRA NEWSLETTER GRATUITA

SAZIA MA NON INGRASSA

ISCRIVITI!