Quante ricette di castagnaccio si devono provare prima di trovare quella che realmente funziona? Nel mio caso ne ho provate tante prima di riuscire ad ottenere la ricetta desiderata, quella che mangiavo da piccola. Un castagnaccio sottile con uvetta e pinoli ma assolutamente senza rosmarino. Questa torta dall’aria semplice e modesta nasconde dosi precise e ingredienti di qualità. Trasportare vecchie ricette nel presente vuol dire a volte riprogrammare la cottura adattandosi ai nuovi forni e magari anche a macinature di farine differenti rispetto a tanti anni fa.

LA RICETTA DEL CASTAGNACCIO

setacciare-farina300 g di farina di castagne
1 bicchiere di latte circa 220 g
1 e 1/2 bicchiere d’acqua  circa 330 g
3 cucchiai di zucchero
2 cucchiai d’olio
30 g di uvetta
30 g di pinoli
dadini di burro + burro per ungere la tortiera

LA FARINA DI CASTAGNE va setacciata in una terrina.
castagnaccio-composto

MIX LIQUIDI mescolate insieme l’acqua con il latte e l’olio d’oliva. Versateli nella farina setacciata mescolando bene con una frusta. Aggiungete lo zucchero e dovreste ottenere una consistenza morbida come nella foto.

UNITE PINOLI E UVETTA AMMORBIDITA ma tenetene da parte una manciatina per l’estetica, e mescolate.

burro-a-pezzettiNELLA TORTIERA imburrata versate il composto e cospargetelo di un filo d’olio, la manciata di uvetta e pinoli tenuta da parte e qualche dadino di burro.

INFORNATE  a 190 gradi per 35 minuti in modalità forno ventilato.

Ti è piaciuta questa ricetta? Non perderti le novità sulle tue ricette preferite! Iscriviti alla newsletter!

castagnaccio-low


E tu come lo prepari il castagnaccio. Lascia un commento qui sotto e fallo sapere anche a noi.
Commenti